Produzioni

Cormònslibri 2013

Il pane offeso
Libro di poesie e racconti sul lavoro, Il ricavato del libro e dell’illustrazione originale della
copertina andrà a una famiglia colpita da morte sul lavoro – Dedicato a Luigi Di Ruscio e
a tutti gli operai e ai disoccupati.

Se questi sono gli uomini
La violenza sulle donne con Lis Tarlupulis e Graziano Kodermaz al sax

Quando gli altri eravamo noi
Storie di migranti di e con Rocco Burtone e Arno Barzan

Streghe a Cormòns
trasposizione teatrale della ricerca sulle due donne bruciate nel 1647 a Cormòns, regia di
Elena Vesnaver con i ragazzi delle scuole medie di Cormòns – Sala Italia, Cormòns

Cormònslibri 2012

“Fatti non foste a viver come bruti…”
L’attore Massimo Somaglino legge alcuni canti della Divina Commedia, accompagnato da Franco Feruglio al contrabbasso
Omaggio ad Alfonso Canciani. Esposizione della scultura “Dante tra i dannati”
presenta Alessandro Pesaola, Assessore alla Cultura Cormòns

“Cormòns con gusto” i cuochi dei Ristoranti Al Giardinetto, Al Cacciatore e Felcaro presentano il
piatto creato in occasione del festival presenta Fabiana Romanutti, direttore rivista “q. b.” gusto e buongusto
nell’Euroregione – I cuochi dei tre maggiori Ristoranti di Cormòns, Paolo Zoppolatti per “Al Giardinetto”, Alessandro Gavagna “Al Cacciatore” e Loris Cisilin “Felcaro”
presentano il piatto “Cormònslibri” appositamente creato per l’evento. Per l’occasione è stato pubblicato un piccolo libro contenente le ricette e gli
abbinamenti dei vini. In sala ci sarà la possibilità di assaggiare prelibatezze cucinate al momento.

Cormònslibri 2011

La felicità necessaria” interviste raccolte a Cormòns e a Gorizia
sul tema de “La felicità necessaria” con il contributo di Vicsia Portel e Mercedes Vela Cossio di “Ballarò”

“Lètare su le felicitât” di Epicuro – Teatro Incerto
con Fabiano Fantini, Claudio Moretti e Elvio Scruzzi

Cormònslibri 2010

La parola alla parola prosa e poesia interpretata attraverso danza, musica, lettura, maschere

Parola, in tutti i suoi modi. Parola leggera, che ti scivola addosso, e indifferenti ed impermeabili la lasciamo scorrere, come dice lo scrittore Alessandro Pesaola. Parola che ha la sola memoria dell’eco del suo suono che finisce nel mentre la diciamo, si consuma mentre è. Parola inconsistente che evapora in nuvole di suoni impalpabili. Parola che è leggera, non quando viene fissata, quando diviene memoria, quando impregna e s’impadronisce dello spazio, del contesto, della superficie. Parola che diventa tutto. Cosa sarebbero i nostri sensi senza che la parola non li descrivesse? Che importanza avrebbe gustare una pietanza, udire musica, vedere un paesaggio, sentire profumi, senza poterli descrivere con la parola. Che poca cosa sarebbero le nostre sensazione senza poterle condividerle attraverso l’uso della parola? Parola è la comunicazione dello scrittore, del giornalista, del cineasta. È nel canto, nella musica, nell’arte figurativa. La parola è interpretata, danzata. La parola è poesia. La nostra è una continua ricerca attorno e della parola, interroghiamo le lettere come se in esse risiedessero le sole risposte all’esistenza, risposte spesso incomplete, a volte incomprensibili, non assolute. Parola.

Ouverture musicale di Simone Kodermaz al violino

Danza lettura di Serena Finatti dal testo “Di questo mondo e degli altri” Josè Saramago

Ballerino Giovanni

Lettura scenica di Fabiano Fantini sul testo “Le città invisibili” di Italo Calvino
con intervallo musicale di Graziano Kodermaz al sax

Danza 2 lettura di Pierluigi Pintar dei versi di Giovanni Pascoli
Temporale 3 ballerine – Il tuono solista Giovanni – Il lampo 3 ballerine

lettura di Alessandro Pesaola della poesia “La fontana malata” di Aldo Pallazzeschi, con musica di Franco Feruglio al contrabbasso

Danza 3 lettura del testo di Alessandro Baricco con musica di Hope There’s Someone di Antony And The Johnsons

Poesia poesie di Marina Moretti con il contrabbasso di Franco Feruglio

Canto Cristina Mauro, voce; Andrea Casaccio, chitarra

Cormònslibri 2009

“All’apparir del vero” conversazione su Giacomo Leopardi con Alessandro Pesaola, Omero Antonutti e Mariko Masuda al violino

Cormònslibri 2007

lettura drammaturgica di “Due pugni di terra per un sogno” di Anna Baccelliere con Luzie de Uanis

lettura scenica di “Rosso di sera” di Alessandro Pesaola, con Elena Vesnaver, Daniela Zorzini, Renzo Furlano e David Cej alla fisarmonica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...